2 febbraio 2012

Libri da Scrivere

Tutti lì che ti consigliano libri da leggere, ma così è facile, son buoni tutti ad additare dei libri da leggere. Beh, quasi tutti.
Io invece voglio consigliarvi dei romanzi da scrivere. Ormai ne esistono talmente tanti in giro che è anche difficile trovare un titolo libero. Ve li darò io, non spingete.
L'ufficio marketing de La Linea, dopo attenti studi, consiglia di puntare forte su titoli che magari richiamino altri testi famosi, un po' come con le scarpe Alidas, le Tob's o le borse di Grucci.
Anche perché, se non lo comprano per sbaglio un vostro libro, capirete che non ci sono molte altre possibilità.
E siccome sono in buona, vi butto là anche un accenno di trama, il resto è lavoro vostro.


La Giovane Holding
Una grossa società di New York punta a gestire una serie di ricoveri per le papere di Central Park. Il lavoro consiste solo nell'accudire le papere quei 10/15 giorni l'anno in cui il laghetto è gelato.

Il Deserto dei Tartan
Ormai le piste d'atletica sono sconsolatamente vuote. Il giovane Drogo si ritrova solo ad allenarsi sugli anelli in tartan dello stadio. I suoi ex-compagni di classe sono chi a danza, chi a karate. Va a finire che smette anche lui, perché a causa del nome viene sempre sorteggiato per il controlo antidoping.

Dislessico Famigliare
Il classico cinepanettone. Una famiglia di dislessici, madre padre e tre figli, non riesce a comunicare dando vita a una vera e propria commedia degli equivoci. Esilarante la scena in cui la madre lascia un post-it con scritto "cena da cuocere" e il marito arrostisce il cane.

L'isola del Giorno Priva
Un bel racconto di fantascienza i cui protagonisti vivono su un'isola sulla quale, per un'arcana congiunzione astrale, non sorge mai il sole. Lì è sempre notte e gli abitanti sono in eterna lotta con le bollette della luce.Verranno sterminati dai gufi.

Due di De Carlo
Pulp: un lettore esasperato dai romanzi di Andrea de Carlo si apposta sotto casa sua e quando lo scrittore arriva lo affetta in due con una scure.

Va' dove ti porta il culo
Pellicola fortemente impegnata sull'oscuro periodo degli Ani di Piombo. Una ragazza (Jennifer Lopez) si trova invischiata in un gruppo rivoluzionario, poi le va di culo e riesce ad uscirne emigrando nella Grande Mela, lì otterrà il successo che merita. Il film è accusato di fare della facile dietrologia.
(grazie a Melusina)

27 commenti:

  1. Ma tu sei un genio!!
    Hombre Santo Subito!!!

    RispondiElimina
  2. Santo va bene, ma quand'è il momento, please :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i casi son due caro anonimo: o tu sei qualcuno che mi vuole di molto bene. O tu sei la mi capa e sei preoccupata per il budget. E te le finisco sì, quelle tabelle.

      Elimina
  3. Ecco un ottimo spunto per un eds :-)

    RispondiElimina
  4. "La Linea" sarebbe la parodia de "Il Filo", suppongo.

    RispondiElimina
  5. Se decidi di pubblicare "dislessico famigliare" giuro che lo leggo! Invece se vuoi girare il film, ho giusto giusto il cane che cerchi! Già sverminato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non era caduto dall'auto ai 220 sull'autostrada?

      Elimina
    2. ehi non vorrete rifilarmi una cane GIA' morto?

      Elimina
  6. santo subito . umorista dell'anno . amante instancabile . marito devoto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, sono uno e quattrino.

      Elimina
    2. Caspita! Prendo il numeretto.

      Elimina
    3. ho giusto giusto messo il turn-o-matic, che amo.
      Serviamo il numero 23!

      Elimina
    4. 23? Ce l'ho io il 23! Tocca a me... :-)

      Elimina
  7. Sicuramente scriverò Il Deserto dei Tartan, perché quel Drogo si presterà benissimo come alter ego autobiografico, per narrare gli anni in cui, in ascetica solitudine di mistica del dolore (dicibile anche con "come un coglione solitario") mi allenavo tra le nebbie invernali nelle ripetute nei 5mila su pista, mentre gli altri stavano al calduccio dentro in palestra.
    Ci sarebbero stati bene i gufi in quel quadretto, ma la scena era già occupata dai pipistrelli.

    RispondiElimina
  8. Va' dove ti porta il culo: la vera storia di Jennifer Lopez.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. posso inserirlo nel post? ma si che posso!

      Elimina
    2. Mia figlia, di là, è venuta a vedere di cosa stavo ridendo. Niente, le ho detto, è l'Alzheimer che avanza.

      Elimina
  9. il deserto del tartan.... lo voglio subito!

    RispondiElimina
  10. Bravo! C'è da farne una rubrica fissa

    RispondiElimina
  11. I gufi sono i migliori :-D

    Grazie mille per il commento, CIAO!!!

    RispondiElimina
  12. rido.
    ridevo già per la giovane holding , ma va' dove ti porta il culo è da applauso.

    che poi secondo me diventerebbe un best seller, pensiamoci. :D

    RispondiElimina

Ma dici a me? Ma dici a me? Ma dici a me? Ehi con chi stai parlando? Dici a me? Non ci sono che io qui...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...