27 novembre 2011

La Coca Cola con la cannuccia

Per noi fiorentini sarebbe una goduria girare l'Italia, in ferie o per lavoro, se non finissimo fatalmente per incontrare dilettanti appassionati linguisti che ci chiedono, con l'originalità di una mosca sulla merda, di pronunciare la frase che campeggia nel titolo del post. E che io non voglio più ripetere, e nemmeno scrivere.
Comincia che hai sedici anni e alle ragazzine di Varese che trovi al campeggio di Orbetello, quando scoprono che sei di Firenze, s'illuminano gli occhi di una luce vivida e porcina. Qualche secondo di pia illusione che ci possa scappare una slinguazzata e poi la realtà dei fatti: si vogliono solo fare una risata godendo della tua "c" aspirata.
E tu le accontenti, e loro ridono, e pensi "ganzo". Non ti rendi conto che sei entrato in un vortice dal quale non uscirai forse più.
La C aspirata a noi non piace, non è che ce la portiamo appresso per esibirla come un trofeo, ce la siamo ritrovata sottopelle e non ce ne possiamo affrancare se non a costo di sacrifici di dizione intensi e spesso insostenibili.
Quando parliamo tra fiorentini non ci accorgiamo di usarla ma con gli altri, beh, la cosa può creare imbarazzo. Non è che dovete proprio ficcare giù il coltello nella ferita e ravanare con 'sta menata della bevanda di Atlanta e del suo tubicino atto a suggerla, spesso afflitto da scarsa lunghezza.
La C aspirata è una piaga della società fiorentina e come tale si cerca di limitarla, visto che debellarla appare improbo e che non un Sabin, non un Jenner s'è mai dedicato alla questione.
Alcuni non fiorentini sostengono che in fondo la nostra parlata è simpatica e che non dovremmo cercare di trattenerci, anzi, ci rende persone più interessanti.
La peggiore trovata dello straniero al cospetto d'un concittadino di Dante è quando il tipo cerca di proferire una qualsiasi frase in fiorentino. E dire che sembrerebbe facile, non è che il nostro non-dialetto ribolla di vocaboli strambi e intorcinati o tronchi o sbilenchi. Basta buttare lì un po' di parole e aspirare le cazzo di C. E no! E no che non va bene!
Ecco le frasi tipiche di chi tenta di parlare in fiorentino ma è nato a Tarvisio, o in altro loco fuor di Toscana per intendersi.
Che vai a hasa? Che è hotta la bistecca? Fa haldo, maremma fa haldissimo.
E no, e no: è una questione di C.
Le suddette frasi in bocca a un fiorentino verace suonano più o meno così: Che vai accasa? Che èccotta la bistecca? Faccaldo, maremma faccaldissimo.
La raddoppiamo la hazzo di C, quando ci va, altro che aspirarla. Non c'è una regola: quando l'aspiriamo, quando la mangiamo proprio, quando la raddoppiamo e quando la nascondiamo sotto il tappeto. Non c'è una regola, ma se anche ci fosse non è che la sappiamo.
La C aspirata ce la tramandano i nostri vecchi, assieme al pane sciocco, all'amore per il Cupolone e ai racconti sull'alluvione del '66 in una fisiologicità mendeliana che non richiede ulteriori spiegazioni.
Tempo fa avevamo sfiorato l'argomento qui nei commenti assieme a Viola (un nome una garanzia per noi), approfondire la tematica mi aggradava anche se magari non era la mia massima... aspirazione.

Il 50% del ricavato di questo post è devoluto all'ACCA (Associazione Contro la C Aspirata)

28 commenti:

  1. Ahhh.. è per quello che i fiorentini hanno voluto mandare via Mihajlovic.... non gli piaceva l'acca aspirata.

    RispondiElimina
  2. Consolati, almeno a voi dicono che la vostra parlata è simpatica, per quelli più a sud storciono il naso e manco col hazzo provano ad imitarla!
    Per inteso, che alla maggior parte di noi del sud ciò che pensano del nostro dialetto,patrimonio prezioso di ogni regione, non ci importa una sega.

    RispondiElimina
  3. @conte questo è colpo basso (basso quanto miccoli) oggi. vedrai che troveremo il modo anche per mandar via Rossi. Magari sarà per via di quel masticare la cingomma, ch'è un po' irrispettoso via. Almeno chiudi la bocca.

    @lillina, purtroppo, 'simpatico' è l'ultima aggettivazione cui ambire.

    RispondiElimina
  4. "Ma come dite cacca a Firenze? Dite cacca? Noi a Milano si dice cacca."
    Un omaggio a Vigorone, maremma sponsorizzata.

    RispondiElimina
  5. la mia docente di dialettologia diceva che la gorgia si verifica sempre in posizione intervocalica. altro che raddoppiamento di consonante. ma ne saprai ben più tu, immagino.

    RispondiElimina
  6. Io sono Lecchese
    La prima volta in vacanza con gli amici andiamo in toscana, a Follonica. Casello dell'autostrada, conto: 7250 lire in toscano.
    Abbiamo riso un giorno intero

    RispondiElimina
  7. @mm ma che se' grullo davvero! storia!

    @ciku ah, il raddoppiamento sintagmatico! No, non ne so mezza, molta pratiha e poha teoria.

    @ferru' settemiladugencinquanta - dove la g è francese. Bella Folloniha.

    RispondiElimina
  8. @ Hombre, non demonizziamo questo aggettivo,spesso la simpatia è autentica. Ti offendi se ti dico che io amo il vostro dialetto? (lo ammetto sono di parte).

    RispondiElimina
  9. E' vero, quando dico che sono di Firenze tutti mi chiedono di pronunciare la frase del titolo del post, ma a quel punto io mi salvo in corner e rettifico che sono di Arezzo e sinceramente l'aretino è molto contadino e poco aspirato. Poi però la gente o non sa dove è Arezzo o si chiede perché non si aspiri la C essendo anche noi in Toscana e presumendo che sia dappertutto uguale.

    The Life After

    RispondiElimina
  10. A me piace la parlata toscana, tanto.
    Ed è inimitabile, mica riusciamo a parlare in quella maniera, noi. Manco dovremmo provarci, secondo me!
    E poi per me Firenze, Toscana, acca aspirata e tutto il resto significa un nome, a me molto caro: Francesco Nuti. Io lui ce l'ho proprio nel cuore, sai, ho scritto anche un post su di lui, su cosa sia per me e mi farebbe piacere se tu lo leggessi, se hai voglia, se a Francesco vuoi bene anche tu.
    Grazie del bel commento che mi hai lasciato, a presto!

    RispondiElimina
  11. Ogni società ha la piaga che si merita, noi in Sicilia abbiamo il traffico (come disse un altro toscano...)

    PS
    Ho vissuto 4 anni all'angolo di Ponte Vecchio, proprio lì, ferma per 4 anni! E quando riuscivo ad incontrare un fiorentino, lo amavo dal profondo delle mie acca :)

    RispondiElimina
  12. Ok, chiama il neurologo!
    Ahahahahahah!!! Mi è uscita QUELLA scritta in captchomanzia.

    RispondiElimina
  13. Siamo noi veneti a regalarvi tutte le C che raddoppiate!! :-) Noi le perdiamo per strada!

    RispondiElimina
  14. Eppoi annoi toscani sci dà parecchio fastidio che sci dicano che siamo tutti di Firenze e chessi parli come affirenze, mica tutti aspirano la sci! e mica tutti i toscani (e non toshani) sono di firenze ovvia! :)

    RispondiElimina
  15. Voi avete 'il chianti'!.
    Potete pronunciare quella c come cazzo volete, basta che continuiate a produrre il chianti.

    RispondiElimina
  16. @miss fletcher... sarà fatto.

    @Obi ti fisso un appuntamento, mai prendere sottogamba la captchomanzia. 4 anni al ponte vecchio e sei riuscita ad andartene? sei pazza? ah già...

    @Giovy ah ok

    @Me "non toshani" penso sia arabo :)

    @S27 bravo, tu continua a vedere il bicchiere mezzo pieno, di chianti ovviamente.

    RispondiElimina
  17. Intendevo che tra gli errori comuni sulla pronuncia della "c" c'è anche toshani" ;)

    RispondiElimina
  18. Tutti hanno in mente l'immagine stereotipata del toscano che aspira le "c". Io ho conosciuto dei toscani (non chiedermi di che zona, non ricordo) che altro che la Coca Cola con la cannuccia... Praticamente la loro parlata era un'unica aspirazione velocissima intervallata da suoni (credo) vocalici o giù di lì.

    RispondiElimina
  19. Quindi a Tarvisio avresti aperto La linea di Combre.
    W i Haptcha!

    RispondiElimina
  20. Pieraccioni, la colpa è tutta sua.

    RispondiElimina
  21. @me infatti, c'ero cascato come un pollo.
    @arthur non è proprio un'immagine stereotipata, o cmq, c'ha le sue belle radici affondate in un vaso di verità.
    @k come saprai, l'H in spagnolo non si aspira, come ho dovuto ripetere 1000 e 1000 volte al dr vannini.
    @jk e infatti il suo "se tu ssè buho dillo" mi ha portato un pezzo in là con Gosling.

    cmq sono ancora etero, per la precisione.

    RispondiElimina
  22. Per punizione ora mi dirai come si mettono i link ad altri post in fondo al post, ché ho guardato nelle impostazioni dei post, ma non ho trovato un post :(

    RispondiElimina
  23. @ME ok, era un po' che volevo farlo... ecco guarda qua a destra, sotto la captchomanzia e sotto il cerca... ho messo la sintassi. il comando è semplice, ma anche a me non entra in testa.
    ovviamente sostituisci sito.html col tuo url e sito con la parola cliccabile

    RispondiElimina
  24. No, quello lo sapevo (un po' di html la so), intendevo come fai ad inserire i riquadri sotto ad ogni post, quelli dove è scritto: "ti potrebbero anche interessare" ;)

    RispondiElimina
  25. A me arrapa parecchio sentire la "c" aspirata dalle toscane.

    RispondiElimina
  26. Intendevo dire che lo stereotipo era quello del toscano che parla un italiano comprensibile condito solo dalle "c" aspirate.

    RispondiElimina
  27. @sm a me, devo dire, la parlata che più m'attizza è la bolognese, ma che t'o dico a ffa'?

    cmq dovrebbe uscire il numero di sms in collaborazione con il tg la7 per donare dugento lire alle popolazioni afflitte dalla c aspirata...

    RispondiElimina
  28. Questo post vale mille non foss'altro per il pane sciocco (sciapo nel resto del mondo... ma vuoi mettere?)

    RispondiElimina

Ma dici a me? Ma dici a me? Ma dici a me? Ehi con chi stai parlando? Dici a me? Non ci sono che io qui...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...