8 gennaio 2012

Quando sarai grande

- France, ma tu da grande che lavoro vorresti fare?
Ritenevo che ci pensasse un po' su, e invece lo sapeva, era pronto.
- Allenatore...
E qui, come percorrendo l'istante prima della propria morte, quando filmografia vuole che ci ricompaia davanti agli occhi tutta la nostra vita, o almeno, i fotogrammi salienti, sono sprofondato in uno squarcio temporale, dilatato e in bilico sull'orlo di un buco nero. Stranamente, in una valanga di pensieri frenetici e flemmatici insieme, mi sono visto in tribuna su qualche campetto di periferia, poi sulle gradinate di una palestra, e anche sugli spalti di uno stadio a guardare giù mille e mille partite tra una squadra nemica e la squadra nostra, quella allenata da mio figlio che così presto, a sei anni, aveva già capito quale fosse la sua fottuta strada nella vita e con chiarezza e decisione l'aveva imboccata e perseguìta. Due, tre decimi di secondo in cui ho sentito l'odore del fango, del sudore, le grida dei tifosi, le incazzature e il fuoco dell'orgoglio dentro al mio cuore. Due, tre decimi di secondo infiniti e scardinati dalle convenzioni temporali. Due, tre decimi di secondo in cui mi son figurato interviste in tivù, coppe alzate al cielo e camminate a testa bassa verso un esonero.
Due, tre decimi di secondo prima che sentissi il resto:
- ... di Pokémon.
Chiusura del cerchio. Fine. Due, tre decimi di secondo che mi hanno adulato, illuso, irretito fino a portarmi alla compiutezza di una frase che trafigge come uno stiletto.
Allenatore di Pokémon, signori miei.
Al ché avrei voluto dirgli che è un lavoro che non esiste, un lavoro che non è retribuito, un lavoro che non ti darà mai un diritto a pensione. Un lavoro che tu, figlio mio, non avrai la minima possibilità d'intraprendere.
Poi è bastato ripensare alla situazione che viviamo, al mondo del lavoro in Italia, per valutare che forse non è poi così utopistico un mestiere come quello.
E allora sono stato zitto.
Ma zitto.

16 commenti:

  1. Beh, se diventasse capopalestra potrebbe beccarsi qualche sovvenzione statale...
    A quanto sta la moneta di Kanto?

    RispondiElimina
  2. Lodevole esempio del genio italico: quando il lavoro non c'è, bisogna inventarselo!

    RispondiElimina
  3. Che poi, con l'aumento della disoccupazione, della popolazione e la costante ricerca di emozioni sempre nuove e aggrovigliate, io non me ce lo vedo male a organizzare incontri di combattimento, come tra galli e gladiatori, con la sua scuderia di multietnici votati alla morte.
    E all'indossatura di un costume.

    (madmaxoltrelasferadelpokemon)

    RispondiElimina
  4. E tu? Cosa volevi diventare da grande?

    RispondiElimina
  5. E hai fatto bene a restare in silenzio, davvero bene. Tenerezza immensa, l'allenatore di Pokemon!

    RispondiElimina
  6. Non sono pochi i pokemon che vedo in giro. Qualcuno dovrà pure allenarli.

    RispondiElimina
  7. @giodoc beh ho riso, grazie.

    @dmf un "mare" di tenerezza...

    @ldc volevo solo andare sulla Luna.

    RispondiElimina
  8. Mi unisco (ridendo) a giodoc =D

    (mi mancavano le uscite di France)

    RispondiElimina
  9. La fantasia ci salverà ;)

    RispondiElimina
  10. Non credevo che i pokemon tirassero così tanto anche al giorno d'oggi. Era roba dei miei tempi... AH parlo come una vecchina davanti alla Coop di P.za Leopoldo che si lamenta con la vecchina vicina di come le ragazze siano tutte scosciate e dunque sgualdrine. Che invece ai suoi tempi se erano sgualdrine almeno non erano scosciate!

    The Life After

    RispondiElimina
  11. Diritto alla pensione, seh!
    Capisco l'innocente da chi ha ereditato il realismo.

    RispondiElimina
  12. Siamo realisti, chiediamo l'impossibile! ... uno slogan da riprendere e da insegnare ai nostri figli.

    RispondiElimina
  13. Beh, che ne sai? Voglio dire, sei così certo che i Pokemon, o qualche creatura che gli assomigli, non esista da qualche parte? E metti caso che sia potente e addomesticabile, e che tuo figlio riesca a plasmarla e a farle fare quello che crede, non sarebbe comodo averne un paio pronte all'attacco?! -.-"

    RispondiElimina
  14. li facciamo conoscere i nostri figli?? La mia è un po più grande credo ma un giorno aveva più o meno sei anni alla domanda che vuoi fare da grande mi ha detto (testuali parole): bè io da grande voglio andare all'uvinersità perchè voglio fare la veneritaria...

    RispondiElimina
  15. Bello bello :)

    Grazie mille per il commento, CIAO!!!

    RispondiElimina

Ma dici a me? Ma dici a me? Ma dici a me? Ehi con chi stai parlando? Dici a me? Non ci sono che io qui...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...