29 settembre 2011

Lo Scolapasta Assassino

Stavamo al campeggio e io ero addetto all’asciugatura delle stoviglie. Nella dotazione della nostra casa mobile c’era uno scolapasta bianco.
Per non inzuppare troppo il canovaccio, mi sono avvalso della tecnica di pre-asciugatura brevettata e nota come scuoti-l’acqua-dalle-finestrelle-di-quei-buchetti-del-cazzo ® .
Così me lo sono battuto sulla mano sinistra infliggendomi un dolore imprevisto e lancinante. Lo scolapasta infatti aveva tre piedini, a me ignoti, e me ne sono piantato uno sul palmo della mano.
Il dolore è passato, dopo un po’, non è che ho rischiato un’amputazione, insomma.
Solo, da allora – e qui lo giurerei sulla testa dei miei figli se fossi Tu Sai Chi – ogni volta che lo prendevo in mano una scossa di brividi mi squassava dalla cervice ai talloni.
Bon, le ferie son finite e hai risolto, diranno i miei 25 adorati lettori. Manco per idea, invece!
Adesso ogni scolapasta del mondo che tocco mi provoca la stessa irritante sensazione. Brividi, brividi spessi un dito.
Quel che è peggio è che l’escalation pare senza fine. Mi basta pronunciare la parola e il brivido parte automatico, mi agguanta prima la testa e poi mi percorre in verticale, attraversandomi.
Ma dirò di più, e angosciosamente lo scopro adesso, è sufficiente scriverlo o anche solo pensarlo.
Sto valutando se tirarci fuori un horror.

9 commenti:

  1. Una volta stavo astutamente strizzando mezzo limone con un coltello a punta acuminata, che ha sfondato il frutto e mi ha infilzato il palmo della mano. Non ne sono rimasto invalido, ma da quel giorno ho paura delle posate.

    RispondiElimina
  2. Facciamo così, chiamamolo "tu sai cosa"

    RispondiElimina
  3. Hai 25 lettori?

    Hai fatto bene a brevettare la tecnica di pre-asciugatura, te l'avrei rubata.

    RispondiElimina
  4. Guarda il lato positivo: timpano e martelletto sono intatti.
    Quello che senti non è l'eco.
    Sono io che ripeto la domanda di Josef K.
    (solo tre righe: faccio progressi!)

    RispondiElimina
  5. I 25 lettori? Mah, era una citatio.
    Magari sono 2,5 è che non sono bravo colle virgole.

    RispondiElimina
  6. venticinquesima.

    Bell'idea, suona molto bene infatti: "La casa dagli scolapasta che ridono".

    RispondiElimina
  7. Gli scolapasta sanno essere subdoli.

    RispondiElimina
  8. @SCIUSCIA: non per niente si dice "subdolo come uno scolapasta!"

    RispondiElimina
  9. credo fermamente nell'evaporazione,non asciugo i piatti ma neanche...
    adesso posso dire che lo faccio per legittima difesa.

    eternamente grata,
    La Cincia

    RispondiElimina

Ma dici a me? Ma dici a me? Ma dici a me? Ehi con chi stai parlando? Dici a me? Non ci sono che io qui...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...