23 ottobre 2014

Odio - sinfonia n. 4 (le persone)

Ho sempre odiato poco, e male.
Ho odiato dentro e invece. Invece merita esternare, non è normale e non è sano sempre smussare o tollerare oltre i limiti umani o preferire le silenti implosioni.
Invece ho amato, tanto, non solo persone anche altro, ho amato percorrendo una strada senza dossi rallentatori.
Sì, me la son cavata meglio con l'amore, con l'odio non sono andato bene. Se fosse stata materia di studio sarei andato di certo a settembre, in odio.
Odio cose, gesti, situazioni ma necessariamente odio anche persone o, meglio, tipologie, classi di persone.
Così odio i mangiatori di patatine al cinema, e con loro chi gliele vende o chi gli permette di portarsele in sala.
Odio coloro che dimorano davanti al bancomat, si piazzano lì e pare che fanno fare l'ammmore alla loro cartina con la bocchetta. Metti e leva leva e metti, e poi stampa il riepilogo ultimi movimenti, dopo un passo per andare ma niente, tornano indietro e rimbucano, allora prelevano poi stampano il saldo e poi di nuovo tutto daccapo. Ho visto le loro donne arrivare a metà pomeriggio con il cestino della merenda.
Odio quelli che quando apre la cassa quattro si precipitano a pigliare la posizione al nastro, pure se stanno in coda in ottava posizione alla cassa numero due, e si sentono in pieno diritto per farlo. Per questi ci vorrebbe la gambizzazione.
Odio quelli che t'interrompono e che asfaltano i tuoi discorsi inascoltabili con le loro mirabili gesta. T'è morta la nonna? Non hai scampo perché a loro è sicuramente morto il nonno, il bisnonno, un cugino di primo grado, il figlio militare e il fottuto pesce rosso vinto al lunapark dalle bambine.
Odio chi semina cattiverie gratuite, chi infierisce sui deboli sapendo di essere forte, chi spara sugli assenti.
Odio anche quelli che svengono in vista della cassa del bar, tirano il freno a mano, controllano lo smartcoso, salutano un tizio, si voltano nella speranza di trovare un tizio da salutare, si fanno salutare da un tizio, e mai una volta offrire. O tentare di farlo, con dignità. Per questi la flagellazione.
E odio gli impiccioni, quelli che ti frugano nei cassetti, quelli che ti sbirciano il telefono, quelli che cercano tra i tuoi fogli, quelli che leggono la tua agenda. Questi li odio anche se sono malati.

7 commenti:

  1. Odio quelli che al supermercato aspettano che ci siano 11 persone in coda alla cassa 2 prima di aprire la uno.

    odio ancora di più il padrone/gestore del personale -del supermegamercato qua vicino casa mia che ha 40 casse e dentro ci son sempre centinaia di persone e cazzo non ci son mai più di 10 12 casse aperte-.
    Ma perchè ne hai fatte 40? ma perchè con la valanga di soldi che hai non assumi più fottute cassiere?
    Pensa te se mi tocca anche andare a letto nervoso.

    Hombre non mi piacciono i post di odio, la prossima volta scriva di fica.

    RispondiElimina
  2. Me sa che non t'avrebbero mai rimandato a Settembre, in odio. E che avresti potuto insegnarlo. Magari non proprio Odio. Forse truccato da Involuzione dell'educazione civica.

    RispondiElimina
  3. l'odio è un sentimento bellissimo!

    RispondiElimina
  4. bel post!
    e gli elenchi precedenti...sono troppo iraconda per odiare, faccio sfuriate esterne ed interne, poi arriva il sereno e passa tutto...quindi ti invidio un po'
    perchè magari, a parte il tuo fegato, almeno riesci a renderti digeribile agli altri ed amabile, però ogni tanto una bella svalvolata alla pentola a pressione
    la devi dare
    ciao:)

    RispondiElimina
  5. I casi sono due: o uno rimane calmo pacifico e beato e si fa scivolare tutto addosso perche' tanto non vale la pena arrabbiarsi. O uno lo dice. E si sfoga per benino, vomita tutto quanto e poi dorme pacifico come un bimbo.
    Ma odiare e tenersi tutto dentro no, non lo metto nelle cose che mi fanno vivere felice. Infatti anche tu non lo fai, visto che tiri fuori tutto scrivendo.
    A proposito, non deve essere stato un gran bell'anno, il 2011, a giudicare dalle liste.. :-)

    RispondiElimina
  6. Odio chi va al mare la domenica, io neanche il lunedì.
    Odio chi va al mare con la moto, mentre io rimango qui.
    Odio chi non conosce Stefano Rosso.

    RispondiElimina
  7. un po' di sana misantropia mi aiuta ad iniziare le giornate lavorative

    RispondiElimina

Ma dici a me? Ma dici a me? Ma dici a me? Ehi con chi stai parlando? Dici a me? Non ci sono che io qui...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...