13 ottobre 2013

Davvero non lo so

Me ne sto qui, in piedi sulla porta del garage.
Ho tirato giù mezzo armadio di vestiti a bracciate, li ho scaraventati dentro la valigia e poi l'ho chiusa sedendomici sopra, come ai vecchi tempi, quando ancora viaggiavamo insieme nel mondo, oltreché nella vita.
Davvero non lo so se c'è rimasto qualcosa di quell'esistenza, della nostra storia e del nostro amore, che io mi possa portare dietro pigiato nel bagaglio. Non lo so se questa casa o l'universo si aspettano ancora dei fiati respirati da noi due. Non lo so se dovrei andare o restare, davvero non lo so.
Di certo tutti i miei non lo so sono maturati nel travaglio emozionale, nella passione, nel forte divenire di una crescita sperata e nei passi decisi di un cammino e sono zuppi di sangue e di umori, non certo dell'acqua di rose in cui si pasce lui.
Lui che sta lì, quasi disattento, come se non stessimo affrontando una questione anche sua. Sta lì, come sta al cine, spettatore vacuo di una trama altrui e desideroso solo di distendere un po' le gambe.
«Se mi vuoi, se mi vuoi ancora, fermami adesso. Fermaci adesso» gli dico con la mano sul pancino, ma senza ricercare il tragico, giusto per fargli capire, perché mi sa che ancora non ha capito bene.
Perdo roba? Sei tu la roba che perdo, vorrei dirgli, mentre m'imbatto incerta in una notte cupa.
Il lampione stasera è spento, e neanche lui riesce a darmi un sollievo, magari spolverando di un chiarore amico il blu denso come melassa che è murato fuori da casa.
I passi conficcati in quel blu hanno un sapore sgradevole: è come leccare del ferro e non riesco a farmelo piacere.
Quando mi chiama è una posa, è solo la consegna del soldatino della sua coscienza: assolve un compito e della faccenda se ne lava le mani, ma in una pozzanghera, secondo me.
Forse non dovrei, non lo so, ma va a finire che gli do una chance.
Mi fermo e lo aspetto, e scopro che riesco a versare altre forse inutili, ma forse anche ultime, lacrime.
Non ho vergogna di mostrarmi debole e indecisa con lui, io che da sempre sono la donna senza dubbi, per tutti, quella forte che si porta un po' di roba sulle spalle e l'altra, in segreto, nel cuore chiusa a chiave.
Non ci credo che voglia che io resti e glielo dico, ma aspetto ancora un po'.
Socchiudo gli occhi nella quanto mai insensata ricerca di una luce. Aspetto un abbraccio, da dietro, aspetto il suo alito sul collo, aspetto il suo corpo che s'incolla al mio. Aspetto il suo odore, aspetto un passo verso di me e verso di noi. E aspetto le sue mani, che afferrino le mie, che mi trascinino in un vortice fatale, come quando da bambini ci teniamo stretti, agganciati con le braccia a ics, e giriamo, giriamo veloce, sempre di più, coi piedi a pesticciare in un centro solo nostro e i corpi piegati all'indietro e imploranti un volo.
Prendimi, stringimi le mani, fammi girare più forte che puoi e fammi volare via, solo di questo ho bisogno in fondo: di volare via. Con te o senza di te.
E aspetto una parola, anche solo una, ma sussurrata in un orecchio, una parola che fruscia tra i capelli e mi possa trafiggere ancora.
Sussurrami, non urlare, ti prego.
____________________________________________________________
Questo racconto partecipa all'EDS Il blues dei blu come pure:
Dario con Diavoli blu
Singlemama con NY Blues.
MaiMaturo con Colori
Singlemama con La linea blu
Lillina con Il blu dell'universo che non c'è
Lillina con Morte nel blu
Pendolante con Il trattore
Call me Leuconoe con Crossroad
Marco C. con Le ore scure (grigio, rosso e blu)
I won't let you down
Calikanto con Onde
Cielosopramilano, altrimenti detto Fevarin e carnazza, con Fever
Melusina con Neon
Bianca con Diritto e rovescio
Melusina con Sostiene Teresa
Brux con So long

16 commenti:

  1. Mi piace, è scritto bene ... mi ricorda una canzone di Max Collini, l'ultima mi pare, del primo cd degli Offlaga Disco Pax.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È questa: DeFonseca.
      Grazie Allie.
      Appena ascoltata... "bisogna avere stile anche nei momenti peggiori".

      Elimina
  2. Trovo che hai saputo immedesimarti con disinvoltura nella psicologia femminile, e questo è un merito raro. Quello poi che fa di te uno scrittore è la solidità dello stile, per nulla e mai scolastico. Scusa il commento serio, ma davanti alle tue prove non mi riesce di scherzare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello poi che fa di te uno scrittore... grazie, ma vabbè.

      Elimina
  3. Risposte
    1. e'nfatti, mi sa che è il pianeta Papalla, per chi si ricorda...

      Elimina
  4. E mica è facile fare l'altra parte. Ci sei riuscito meravigliosamente. Quasi quasi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E non lo so... non mi convinco fino in fondo. Per me, sotto sotto, sono ancora un maschio.

      Elimina
  5. "Non capirsi è terribile -
    non capirsi e abbracciarsi,
    ma benchè sembri strano,
    è altrettanto terribile
    capirsi totalmente.[...]"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che m'accechino se conoscevo sto cristo di EVGENIJ ALEKSANDROVIC EVTUSHENKO, non lo conoscevo totalmente.

      Elimina
  6. Beh, una donna col "pancino" risponde sempre a un richiamo, anche se in cuor suo lo giudica non sincero, prende tempo, è proprio di tempo che ha bisogno, poi si vedrà... Bravo Hombre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho un rapporto irrisolto con la maternità.

      Elimina
  7. noncelapossofare...

    [manco tu mi leggessi dentro]

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, sì, magari... per leggere dentro a una donna ci vogliono gli occhiali a raggi XX.

      Elimina
  8. Mi piace. Ma c'e' un qualcosa che non so. Mi piace molto di piu' l'altro. Si', mi sa che, sotto sotto, sei ancora un maschio ;-)

    RispondiElimina
  9. Pensa che l'ho scritto "a causa" del tuo commento all'altro.
    È che questo l'avevo in pancia e l'altro in testa.

    RispondiElimina

Ma dici a me? Ma dici a me? Ma dici a me? Ehi con chi stai parlando? Dici a me? Non ci sono che io qui...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...