19 giugno 2012

Faccio lo sborone

Uno, due, tre…
Al casino mi ha portato il mio cugino grande, il Loris.
Che io, per me, ci sarei anche andato prima, ma era che lui ci teneva troppo a questa cosa. C’aveva portato già suo fratello.
Ma ora toccava a me, diobono, sedici anni finiti e tanta voglia di veder della passera.
Che io, per me, avevo già visto quella della Barbarina, se vale dal buco della gabina al mare. Che lei lo sapeva che quando si cambiava il costume c’era la fila di noi a spintonarsi lì fuori, ma non s’affrettava mica, anzi pareva che lo faceva apposta.
Che poi ce lo dissi pure, Barbarina tanto te l’ho vista, non è che me la fai anche toccare. Vamolà e uno spintone, ma secondo me, prima o poi…
Pedala il Loris, che io devo mantenere le forze, dice, e quindi sto dietro, in piedi sul portapacchi, faccio il signore. Il posto sta sullo stradone lungo che porta a Riosparuto, per quello lo sanno pure i cinnazzi di sei anni, fa un caldo boia e meno male che non fatico.
L’ho capito adesso cos’aveva da ridacchiare mio papà, a pranzo, con tutto che era strano che di sabato il Loris fosse a mangiare da noi. Mia mamma stava zitta, invece, ma per sapere sapeva anche lei, e mi ha sbucciato pure una mela, senza che le chiedevo nulla.
Prendo il vento in faccia, fischio alle ragazze e canto. Faccio lo sborone, ma in realtà mi sto cagando sotto, mica per nulla. Che per me il Loris l’ha capito, ma che devo fare?  Se c’è una via per farla finita di bastonare il cieco è questa.
Quando s’arriva ho le gambe molli, nemmeno avessi pedalato io e venissi dalla riviera.
Trecentoventisei, trecentoventisette, trecentoventotto…
Il Loris mi fa accomodare in una specie di salottino dove c’è già un signore coi baffi, anzi, sarebbe meglio dire ci son due baffi con un signore, visto che i mustacchi hanno l’aspetto e la dimensione di code di martora ed è la prima cosa che si nota.
Che c’abbiamo, un’entratura? Chiede una tipa tracagnotta e mezza ignuda che pregavo il cielo non era la mia, ecco.
Sì, fa il Loris, c’è il mio cuginetto che da oggi entra nel giro.
Poi confabulano un po’ e il Loris s’infratta dietro una tenda, un corridoio e chissà cos’altro.
‘Spetta mo’ qua, e io fermo.
Immobile come la statua biancobarbuta di Garibaldi in piazza, accanto al mustacchione che nel frattempo s’è messo a leggere, che per me faceva finta e voleva solo sembrare che stava lì per caso.
Se mi concentravo potevo sentire le cicale fuori dalla finestra che s’accordavano al tapùm tapùm del mio cuore.
Una mora, alta un paio di metri, viene a pigliarsi l’altro, e come le va lesto dietro, il baffone.
Ora non ci sono che io ed è come se una morsa mi agguanta le budella. Vorrei scappare e scapperei se solo posso evitare che lo sanno tutti in paese. E allora resto, con queste gambe burrose e un affarino tra le gambe così rattrappito che nemmeno quando si fa il bagno nell’acqua gelata della pescaia.
Bionda, è l’unica cosa che riesco a pensare, vorrei proprio che appare una bionda, non m’importa se tinta, che io mica lo so. E poi è uguale.
Dopo uso il trucchetto, quello mio per rilassarmi quando c’ho troppa strizza: inizio a contare. Da uno in su, fin dove arrivo prima che succeda la cosa, la cosa che son lì per quella. E conto, niente di specifico, metto solo in fila dei numeri, uno via l’altro e andare oltre il cento, verso il mille.
E al cinquecentosettantuno una mano rosso smaltata scosta la tenda.

-----------------------------------------------
Il testo partecipa all'EDS Attesa come anche :

Ti aspetto by SpeakerMuto (Radio Free Mouth)
God save the Queen - by Melusina (Poco mossi gli altri mari)
E tu come stai? - by firulì firulà... 
Anime - by Lillina (Ora e Qui)
Ombre di fiori sul mio cammino - by Dario (Solo Testo)
In-attesa - by Chiagia (La pipa di Magritte)

22 commenti:

  1. Che spettacolo... su quel cartello manca "alla buona" :)

    RispondiElimina
  2. E io raddoppio: è troppo ben scritto!
    C'è un'atmosfera che mi ha fatto pensare a Fellini, hai presente Amarcord o più ancora Roma? Io adoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non far rivoltare il maestro nella tomba

      Elimina
  3. Che bello!
    E la tua prima volta quanto l'hai aspettata? E non provare a dire che stai ancora contando

    RispondiElimina
  4. clap clap clap.
    (ma è autobiogfrafico? okok vado)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, io sono il mustacchione

      Elimina
    2. sei quello della foto n. 3? qui , dico ...

      Elimina
    3. sì, la puoi sbaffare.
      (niente da fare? :)
      la bocca a smile chiude anche la parentesi

      Elimina
    4. ... è che non riesco a non pensare a che solletico debbano fare ...

      [che è un po' come dire che fai ridere (anche) a letto...]

      :-D

      okok rivado.

      Elimina
  5. Pensavo fossi la bionda :^D

    Ho capito: nella vita importa una sola cosa.

    L'at-tesa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho capito adesso che Speakermuto è uno avanti.

      uno che alle faccine [lo so, si chiamano emoticons ma non volevo far la saputa] ci mette anche il naso ^.

      :D

      Elimina
    2. [mi parla ancora.
      buon segno ... ]

      Elimina
  6. imparai. senza il tuo aiuto. grazie eh

    no così, per dire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh beh, brava brava.
      non ci resta che applaudire

      Elimina
  7. "Che poi ce lo dissi pure, Barbarina tanto te l’ho vista, non è che me la fai anche toccare. Vamolà e uno spintone, ma secondo me, prima o poi…" :-)

    RispondiElimina
  8. Le ho sentite le cicale cantare e il tapum tapum a fare da sottofondo. Mi è sembrato quasi di sentire la "caldazza" estiva... e sapori di altri tempi (per fortuna, altri, i tempi). Grazie, ben scritto davvero!

    RispondiElimina

Ma dici a me? Ma dici a me? Ma dici a me? Ehi con chi stai parlando? Dici a me? Non ci sono che io qui...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...