16 settembre 2013

Oratorio di Santa Caterina delle Ruote

Mi sento molto Miss Fletcher stamattina, seppure non riuscirò manco a legarle un mocassino, mentre mi accingo a lasciare su questo vello testimonianza degli eventi mirabili e tremendi a cui in gioventù (ieri) mi accadde di assistere.
L'Oratorio di Santa Caterina delle Ruote è una perla del mio comune (Bagno a Ripoli) dove ieri, appunto, si è tenuto un evento legato all'inaugurazione di una mostra pittorica dedicata anche a Francesco Granacci.
Granacci, fatevi conto, che è il Robben che nasce nell'epoca dei Messi, dei Cristiano Ronaldo e degli Iniesta. Bravo, ma storicamente non se lo può cagare nessuno. Se la doveva vedere coi calibri di Michelangelo e Raffaello e, per quanto fosse in gamba, in pochi lo ricordano.
Bagno a Ripoli ovviamente sì, che gli ha dato i natali.
La cornice della mostra, in questo caso valeva il quadro, infatti l'Oratorio di Santa Caterina è una perla nel verde, affrescato tra l'altro da Spinello Aretino, da poco restaurato al suo splendore ed eletto da me medesimo come location per il mio terzo, ma solo eventuale, matrimonio.
Tutto questo è stato condito con un concerto di musica tradizionale emiliana, e non solo, dei Bonanot Sunador, che ha degnamente introdotto e accompagnato la serata con pregevoli spunti di folklore e cultura.
Dall'Arte si Riparte, questo l'ambizioso slogan scelto dal comune per una serie d'iniziative che varrà la pena di seguire, anche se, auspicabilmente, senza France, il quale s'è sparato un'ora di sonno con la testa poggiata a un tavolino in ferro battuto che quando s'è tirato su c'aveva i ghirigori stampati in faccia.
Alla fine è andata penalizzata solo la parte ricreativa con il picnic sull'erba fortemente sconsigliato da uno scroscio battente di pioggia che pareva d'essere a Frittole.

13 commenti:

  1. te sei matto anche solo a pensare ad un terzo eventuale matrimonio .
    smetti di frequentare chiese se é questo l effetto che ti fanno

    RispondiElimina
  2. Risposte
    1. Ho sbagliato, volevo rispondere a Lillina :-)

      Elimina
    2. Eh dovrebbe rispondere lui, fatto sta che vede una bella chiesa e pensa ad un altro eventuale matrimonio...tanti anni da chierichetto hanno lasciato il segno (negativo)
      :))))

      Elimina
    3. Ma no, ma dai, ma come galoppi con la fantasia. Per me si tratta solo di un quadro e di uno bravo che però se la deve vedere coi bravissimi.
      Se no non so, mi manca l'extratesto: sono una povera colotetta di campagna, non le so quelle cose lì...

      Elimina
    4. no, ma quale extratesto... è che lillina continua a concentrarsi sulla pagliuzza matrimoniale piuttosto che sulla trave artistica... ma lei ci sta che scriva dalla spiaggia, va capita. :P

      Elimina
  3. Comunque sarebbe interessante fingerci tutti Miss Fletcher e organizzare un metablog :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E organizzare un metablog senza fingersi Miss Fletcher?

      Elimina
    2. Non vorrei mai scrivere per un metablog che accettasse tra i suoi autori uno come me.
      (feat. groucho)

      Elimina
    3. Sarebbe bello. Si potrebbe fare la giornata Miss

      Elimina
  4. Non toccarmi Robben. Che c'ho ancora la foto della cotoletta del corso della Donna Camel che ho appena letto e sto mescolando tutto: Robben che entra in una chiesa di Bagno a Ripoli per sposare la Donna Camel che ha una cotoletta alla milanese al posto del bouquet.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso al lancio del bouquet... robben da pazzen.

      Elimina

Ma dici a me? Ma dici a me? Ma dici a me? Ehi con chi stai parlando? Dici a me? Non ci sono che io qui...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...