16 gennaio 2014

I primi nove venerdì del mese

«Cammina!»
La mamma si volta sull’acciottolato e guarda sua figlia qualche metro indietro, è immobile in mezzo alla via e stringe al petto il suo Bubu, un orsacchiotto di peluche.
«Cammina, ti ho detto!»
«Sono stanca, uffa, e anche Bubu è stanco» dice la piccola mostrando il pupazzo alla madre. Lo tiene da dietro per il collo, teso verso la mamma, come fosse un’arma o come fosse un talismano capace di scacciare ogni spirito maligno e di cancellare la fatica da ogni singolo passo.
«Diglielo, Bubu!»
«Muoviti, dai, sono solo dieci minuti e poi siamo arrivati. E non fare storie, ne abbiamo già parlato».
La madre, col figlio più piccolo in collo, riparte a passi serrati verso il paese, la figlia s’imbroncia ma riprende a camminare anche lei, a capo chino e tirandosi dietro Bubu per un braccino.
«Forza Bubu, sono solo dieci minuti, non devi fare le storie, no no».
È venerdì pomeriggio, per l’esattezza è l’ottavo primo venerdì del mese. L’ottavo di nove venerdì consecutivi in cui la tradizione cattolica auspica messa e comunione. Nove primi venerdì del mese che se rispettati portano il fedele all’indulgenza plenaria e a morire, sempre e quando sarà il momento, nella grazia di Dio.
Sono tre chilometri per andare e tre per tornare di una strada solo in parte asfaltata e piana, ma per lunghi tratti pendente e sassosa e dove muoversi con un passeggino sarebbe più gravoso che doversi portare un figliolo in braccio. Sono i tre chilometri che separano il paese con la sua chiesa dall’abitazione di Margherita, di sua mamma Anna e del piccolo Luca.
Il venerdì successivo sarebbe il nono: è l’ultimo da osservare per poter ricevere la divina assoluzione di tutti i peccati in via preferenziale e direttamente dal sacro cuore di Gesù.
Luchino però sta male e la madre, sebbene ci pensi e valuti la cosa, non lo può trascinare giù fino alla chiesa, ché va bene è già primavera ma fa ancora un freddo birbone e il viaggio di ritorno è pure da fare al buio.
«Oggi non si va a messa, cucciola, tuo fratello ha la febbre alta ed è meglio se lo teniamo al calduccio».
La piccola è incredula, sgrana gli occhi e abbraccia il suo amico di pezza.
«Niente messa oggi, Bubu, che bello!»
Margherita appoggia la sua borsetta rossa di pannolenci su uno sgabello e l’orsacchiotto accenna due passi di danza della felicità, in un dondolare aggraziato e guidato dalla manina cicciotta della bambina.
Ma la solfa dei primi nove venerdì del mese resta lì, anzi, si ripresenta più minacciosa e più necessaria di prima, è una fortezza da espugnare, un vero e proprio punto d’impegno per mamma Anna.
Il supplizio è solo rimandato e tra una settimana si ricomincia, poche storie.
-------------------------------------------------------------------------------------
Immagine: Billa (Sabina Feroci)
-------------------------------------------------------------------------------------
 Il testo partecipa all'EDS Rosso come il peccato by La donna Camèl assieme a:
- Melusina con Gloria mundi
- Dario con Lisa Borletti
- Dario con Turi Pappalardo
- Dario con Lucevan li occhi suoi più che la stella
- Gordon Comstock con Il peccato più grande
- Fulvia con Biancaneve
- Melusina con Red Velvet
- Angela con Pensiero stupendo
- Angela con un altro Pensiero stupendo rosso jungla
- Gabriele con Cave cave deus videt
- Bianca con Vedo rosso
- Melusina con L'amore ai tempi dei nonni
- Pendolante con La confessione
- Melusina con Mille papaveri rossi
- Lillina con Iago
- Cielo con Il Pantone. Altro che rosso.
- Gabriele con Pesci bianchi, pesci rossi
- Michela con Apple
- Pendolante con Generazioni

14 commenti:

  1. Ma tu lo voi perde 'sto EDS?!.. eh eh.. no dai.. carino ma sembri come a tre cilindri... vero è che quando ti impostano gli ingredienti ti senti un po' legato... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io sono una cinquecento, per me andare a tre cilindri è un successone.

      Elimina
  2. Purtroppo il nono primo venerdì del mese non esiste, l'hanno messa apposta questa regola: l'indulgenza plenaria è un po' come il patto col diavolo, c'è sempre un trucco dietro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari fosse un trucco.. invece esiste eccome! ;))

      Elimina
  3. Eh!?! Mica la sapevo questa regola... ne sai a pacchi te di catechismo ;-)

    RispondiElimina
  4. non ho parole per i primi nove venerdì del mese. allibisco.

    però mi aspettavo un colpo di scena più eclatante, io per esempio avrei fatto decapitare l'orsetto da un cane lupo rabbioso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io decapiterei quella madre, altroché.

      Elimina
  5. Qualcuno mi spiega sti nove primi venerdì del mese...avrei capito dell'anno....
    Dai ex chierichetto tu puoi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è un sanissimo link che puoi anche cliccare, accidiosa che non sei altro :)

      Elimina
    2. mica l'avevo visto il link :) sono proprio stanca.
      Non darmi dell'accidioso e corri a confessarti che per ben due volte a questo giro hai peccato!

      Elimina
  6. Io non mi sorprendo di non sapere di 'sta cosa dei venerdì, ma mi ha fatto tanta tenerezza questa bimba, forse pensando alla mia. Mi è piaciuto Hombre, ma chissà perché mi hai fatto venire i sensi di colpa

    RispondiElimina
  7. allora mi sa che questi venerdì non valgono per l'indulgenza perchè o sono i primi o no. Detto ciò ti vorrei più "tosto"
    peccato poco peccaminoso, poichè scrivi bene ti perdono e ti do solo tre pater ave gloria
    angie

    RispondiElimina
  8. E' una scrittura "rilassata" ma non è una critica negativa... e non chiedermi di spiegarti perchè :-) sono un pessimo critico :-)

    RispondiElimina

Ma dici a me? Ma dici a me? Ma dici a me? Ehi con chi stai parlando? Dici a me? Non ci sono che io qui...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...