18 dicembre 2013

Corri ragazzo vai


Categorie di runner che partecipano alle non competitive della domenica mattina:

Il veterano
Ha settant'anni compiuti, è un diesel, parte lento e affronta la salita nelle retrovie, per lunghi tratti corre nell'ombra, ma quando meno te l'aspetti ti raggiunge e, se fai l'errore di salutarlo, ti racconta della sua ultima maratona corsa in 3h e 53m. Naturalmente, ti arriverà davanti.

Il vecchio amico
Quello colla pancetta, quello che non vedevi dai tempi del "Divina" disco club. Quello dalle gran pacche sulle spalle e del bisogna organizzare una cena che di correre sembra non gliene possa fregare di meno. Eppure ti arriverà davanti.

Lo sciancato
Lo vedi partire che pensi non arrivi alla prima curva, corre tutto storto, un po' come Pollentier mandava i pedali, butta i piedi in fuori e le ginocchia in alto in un condensato d'ineleganza unico. Non te lo spieghi mica, ma ti arriverà davanti.

Il fighetto
Parte in quarta per farsi notare, ogni tre per due s'aggiusta il ciuffo e la maglietta sulle spalle. Appena la strada comincia a salire accusa dolori addominali o crampi assortiti per portarsi avanti con le giustificazioni, non si sa mai. Soffiandosi via il ciuffo dagli occhi ti arriverà davanti.

L'ex calciatore
Che difatti indossa la maglia viola sbiadita j.d. farrow's di Luciano Miani, che lui viene solo per avere più fiato quando gioca a calcetto e che questo non è certo il suo sport principe che la corsa per lui viene dopo il calcio, il basket, la pallamano e la pallacorda epperò, pure lui, con la maglia numero 10, ti arriverà davanti.

La donna di spalle
Che la vedi, la punti e decidi che sarà il tuo ghost, il tuo obiettivo, il tuo riferimento assoluto nella gara, da seguire e da non perdere d'occhio per poi raggiungerla e staccarla nel finale perché non ce l'ha quest'andatura irresistibile, diciamolo. Ma non la vedrai mai di faccia e ti arriverà davanti.

Il moribondo
È più di là che di qua, ansima come e peggio della locomotiva di Stephenson, eppure osa passarti avanti in salita, ma si capisce che morirà di lì a breve. Comunque preferendo morire a pancia piena, dopo il rifocillo finale, persino lui ti arriverà davanti.

Il salutone
Conosce tutti, quelli di una società e quelli di un'altra, saluta e stringe mani come fosse il leader di una qualche fazione politica. A metà gara supera un vecchio in tuta che arranca nei pressi del coma vigile e che probabilmente è partito mezzo secolo prima di tutti, e gli urla il si presume solito "Buongiorno maresciallo!". Ti arriverà davanti e poi verrà a salutarti.

Il culo
Sì vabbè che c'è anche una donna attorno, pare, della polisportiva Nave, forse, ma tutto quello che conta è che c'è un culo scolpito che corre, si muove sinuoso nella corrente alternando cambi di peso, contrazioni e distensioni della mela destra, della mela sinistra e di tutto l'ambaradàn. Manco a dirlo ti arriverà davanti.

Il chiacchierone
Non si cheta un secondo anche se in realtà non c'ha un cazzo da dire. Niente di nuovo almeno, le solite pippe su Renzi sindaco, Renzi segretario e Renzi però quelle facce lì; oppure sul tale che stava colla tale ma poi si son lasciati che la tale gli ha letto gli essemmesse della talaltra. Parla in circolo solo per dimostrare che a lui il fiato gli avanza e, fatalmente, ti arriverà davanti.

Il maresciallo

10 commenti:

  1. Mi hai fatto uccidere perché anche se da tempo fermo ai box ero un maratonineta di sbragate speranze, e perlomeno ero io a viaggiarti gomito a gomito perché tutti quelli che ti arrivavano davanti erano pure davanti a me.. ahah.. ma ammetto che sono trasalito sul "ghost riferimento assoluto", che mi ha rievocato tempi frenetici ed ormai sopiti di playstation disperatamente ragnatelata... me sa che la riaccendo.. novello addobbo natalizio... ;))

    RispondiElimina
  2. Dimmi chi sei tu, tra questi, visto che mi arrivi sempre davanti.

    RispondiElimina
  3. Per rispondere a franca:
    Il Kalenji
    Lo sgami che è tipo un esordiente perché ha comprato l'abbigliamento tecnico di fresco e per non accendere un mutuo indossa solo e rigorosamente roba Kalenji. Canotta Kalenji, mutanda Kalenji, calzino Kalenji, pantalone attillato lungo invero un po' da finocchio Kalenji, maglia termica Kalenji, maglia traspirante Kalenji, giacchina impermeabile Kalenji, portacellulare da braccio Kalenji e fascia paraorecchie nera Kalenji. Ai piedi le Mizuno ché le Kalenji gli hanno procurato nell'ordine: infiammazione del piriforme, tallonite e fascite plantare.

    RispondiElimina
  4. devo dire un paio di cose:
    - pantalone attillato lungo non è un po' da finocchio, lo è invece il pinocchio (quello sotto al ginocchio)
    - che dio benedica "il culo"... voglio dire... io cerco di farmi trainare e penso questa figurati, le sto dietro che... manco pe' gnente, mi lascia indietro e mi tocca attaccarmi a qualche ciccione lento come me
    un'ultima cosa:
    sto facendo progressi, faccio una decina di gare l'anno per il trofeo sociale del mio gruppo sportivo, ti faccio l'esempio della 10 k di fiumicino.
    il primo anno arrivo dopo il 92% dei 2400 partecipanti
    il secondo anno arrivo dopo l'88%
    poche settimane fa dopo l'85%...
    soccòse!
    (ovviamente la gnoccona di cui sopra m'ha lasciato indietro un bel po', ma se chiudo gli occhi la vedo ancora... come fosse ieri...)
    anch'io, scarpe a parte, in total kalenji (ma la maglia termica è kipsta, nun ce prova')

    RispondiElimina
  5. Ma il maresciallo. Che vuol dire? Basta il nome e hai detto tutto? E chi non corre queste cose non le sa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il maresciallo sta ne Il salutone... non c'è altro, è un post ad arco non a circolo, non si chiude. Vabbè

      Elimina

Ma dici a me? Ma dici a me? Ma dici a me? Ehi con chi stai parlando? Dici a me? Non ci sono che io qui...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...