3 aprile 2013

Peppino di Capri mi leggi?

Mia mamma, che poveretta la memoria è il problema suo, quand'era ne su' cenci mi raccontava spesso dei fasti raggiunti dalla casa del popolo del paese mio. Pure se lei, a dirla tutta, frequentava, la chiesa e quindi l’Acli e alla casa del popolo ci andava con gli occhiali da sole e la pezzuola in capo in stile Jaqueline. Fatto sta che alla sala da ballo della casa del popolo, divenuta poi Dancing e dopo ancora Disco Antella, negli anni sessanta/settanta, periodo di massimo fulgore, son passati fior di personaggi. Due su tutti: Mina e Lucio Dalla. Ma non un Lucio Dalla di cartone come ingenuamente credevo io, no no quello vero. E così pure la tigre, anche se capisco possa sembrare inverosimile.
Andò che quando a cantare alla casa del popolo venne il buon vecchio Peppino di Capri - o chi per lui perché mia mamma ha sempre fatto un po’ di confusione coi nomi pure quando stava bene - il suo cachet fosse di 1.200.000 lire. Fu uno dei primi a essere invitato, tanto che la casa del popolo non era stata nemmeno completata e il buon Peppino di Capri, o chi per lui magari era Gagliardi o Bongusto chissà, pensò bene di tenersi le 200.000 lire e di lasciare alla casa del popolo il milione, grazie al quale poi, si riuscì a portare a termine l’edificazione del circolo ricreativo. Insomma niente, stamani andando in ufficio ho visto che Peppino fa ancora delle tournée e passerà da Firenze nei prossimi mesi, chissà magari ci lascia qualcosa per stendere un pezzo di tramvia.
Comunque ci tenevo a dire grazie a Peppino, o a chi per lui.

8 commenti:

  1. "ne su' cenci" è un'espressione strepitosa. Ah voi toscani!

    RispondiElimina
  2. non penso sia stato Peppino...è tirchio, fidati!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari lo è diventato dopo.

      Elimina
    2. è stato chi per lui... ma non fa più tourneè

      Elimina
  3. Con l'Agenzia delle Entrate che li perseguita, c'è la possibilità che il Peppino, o chi per lui, passi a richiedere il pagamento di quel milioncino di lire previsto nel contratto che nel frattempo, anche solo con gli interessi legali, sarebbe diventato una cifra.
    Preparate i contanti.
    Ciao.

    RispondiElimina
  4. l'importante è che non canti. peppino di capri, voglio dire
    io lo odio (per come e quello che canta) dagli anni '70. da quando ho l'età della ragione, ochei magari a questa non ci sono ancora arrivato, ma s'è capito, no?

    RispondiElimina
  5. Chi l'avrebbe mai detto... Il compagno Peppino.

    RispondiElimina
  6. Ad ogni buon conto ho tagliato le gambe al toro (cit.) e ho scritto a Peppino. Non so se mi risponderà e cosa, ma se non mi risponde poco ma sicuro che non era lui.

    RispondiElimina

Ma dici a me? Ma dici a me? Ma dici a me? Ehi con chi stai parlando? Dici a me? Non ci sono che io qui...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...