27 marzo 2013

Ics Inps Zeta

C'è la NASA e subito dopo c'è l'INPS.
Provare a ottenere il Codice Individuale del contribuente era (è?) una procedura a prova di Mossad e la riuscita del tentativo un'incognita.
Registrarsi online per ottenere i primi 6 caratteri del codice, gli altri 6 ti vengono spediti a casa in busta chiusa, protetta e assicurata. Questi ultimi sono stati scritti su un foglio con lo stuzzicadenti intinto nel succo di limone e li puoi leggere solo al buio e con la candela che illumina da dietro. Fatto? Bene, hai i tuoi 12 caratteri per il login al sito dell'INPS e la prima cosa che ti chiede appena effettui l'accesso qual è? Di segnarti il nuovo codice INPS perché te lo cambiano subito. Fate le virgolette colle dita e pronunciate tutti insieme "questioni di sicurezza".
Poi non basta, però, ti telefonano a casa e vogliono parlare con l'intestatario del codice, pure se questo ha un'invalidità del 100% e alla domanda "Sei tu davvero Tizio Caio" può rispondere, quando va bene, "Papparapà".
E così, mancando l'autenticazione vocale finale, ti bruci anche il codice già acquisito e devi ripetere la procedura dall'inizio assoldando un'anziana vicina in salute che si finga la tua mamma al momento della telefonata di verifica.
Se t'impegni, comunque, sempre che tu sia possessore e skillato fruitore di dotazioni informatiche, alla fine della fiera te lo ritrovi un buon codice individuale INPS. E qui puoi pensare che in fondo il Codice Individuale INPS è per sempre, tipo un diamante. Magari! Non appena ti ripresenti sul sito famigerato, se sei stato inattivo per più di trenta trentacinque minuti te lo fa cambiare il tuo amato codice e parte un nuovo e macchinoso iter.
Poi, se proprio ti dimentichi dell'INPS perché magari per qualche mese non hai bisogno, capace che ti chiamino loro nel mezzo della nottata e t'informino che il tuo codice è nuovamente scaduto e che tu debba rinnovarlo presentando magari l'iride del contribuente intestatario. E lì ti devi attrezzare per l'espianto, perché non t'aiuta certo nessuno.
Ma poi, mi chiedo, perché tutta 'sta sicurezza all'INPS che con una password dispositiva in banca, da 10 anni sempre la stessa, posso gestire il mio c/c o, sempre con una password, disporre pagamenti sicuri online con carta di Credito.
Chi è, mi chiedo ancora, il cazzone che vuole fregare il Codice Individuale INPS di mia mamma per poter versare in sua vece i contributi della badante? Chi è? Che mi telefonasse, glielo detto al volo il codice.

11 commenti:

  1. occhio a non bruciare il foglio con la candela.
    se no il gioco finisce subito...e che soddisfazione c'è, eh?!?

    RispondiElimina
  2. Perché parli male dell'INPS? La prima e ultima volta che ci son stato io ho fatto appena 10 ore di fila.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e comunque non potrai chiedere il ricongiungimento contributivo di quelle 10 ore, te lo dico.

      Elimina
  3. no, nel senso che no, non voglio versare io i contributi per la colf di tua madre
    pensa che io mi sono ritrovato con un'ottina di anni di contributi in meno e allora ho scritto all'inps con la casella di posta certificata, loro mi hanno scritto le itruzioni, ho richiesto al paesello natio con la casella di pota certificata i documenti, mi sono arrivati ho ricritto all'inps, ho preso appuntamento, ci sono andato, ho portto i documenti e ta-tà in pochi minuti anno rettificato e ora ho tutti i miei contributi!
    ho gioito e pensato (scatenando probabilmente le ire divine) di essere in un paese civile... pensa che scemo!

    RispondiElimina
  4. chiedo scusa, ma 'sta c@&%* di tastiera virtuale fa cilecca e ho saltato molte lettere (la acca di hanno mi rode assai)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'Inps fece anche delle cose buone. (cit.)

      Elimina
  5. La settimana scorsa ho aiutato mia madre insegnante a scaricare la busta paga on-line. In pratica servono tre diversi login con tre password diverse. Mi fa tanta tenerezza la tecnologia all'italiana, perché dimostra come anche nella tecnologia, che serve a semplificare le cose, proprio non siamo capaci di fare le cose semplici*.

    * Quando lavoravo come project manager in traduzione, dovendo richiedere ai revisori di dare un giudizio da 1 a 5 sulla traduzione, erano sempre e solo gli italiani che insistevano per poter scegliere valori intermedi: "non posso dare 3, ma neanche 4, questa traduzione è chiaramente un 3/4!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi so sempre chiesto, poi, quale fosse la valenza esatta di qui voti che beccavamo a scuola tioi 6/7 (fra 6 e 7), cosa valeva? Si è poi saputo? Puoi chiedera tua madre?
      Tipo è meglio 6/7 o 7--? Si dovessero tradurre con le virgole quanto sarebbero?
      (quesito apettoa tutti)

      Elimina
  6. che schifo. I miei genitori sono impazziti perchè non arriva più l'estratto conto della banca e cazzivàri ed ognisingolo giorno degli ultimi 2 mesi mi hanno chiesto qualcosa e io spiego e loro non capiscono e continuo a creare password che dimenticheranno o perderanno e ora c'è il cud e il 7 e 30... tornerei a 15 anni a farmi seghe tutto il dì. buona pasqua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e loro a bussare alla porta del bagno: Aho, fijo mio, hai finito? Me scarichi er cudde?

      Elimina
    2. bill, non dimenticare di lavarti le mani
      sennò rimani appiccicato ar cud

      Elimina

Ma dici a me? Ma dici a me? Ma dici a me? Ehi con chi stai parlando? Dici a me? Non ci sono che io qui...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...